sabato 3 gennaio 2009

Alfa Romeo Giulia GT Story 1963 - 1976







Giulia Sprint GT 1963


La Giulia GT ha avuto l'importante compito di sostituire la Giulietta Sprint e mantenerne l'immagine di automobile sportiva dalle elevate prestazioni e dalla grande affidabilità.
Con l'arrivo della motorizzazione di massa il mercato richiedeva automobili accessibili al maggior numero di persone, la nuova Gran Turismo Alfa Romeo doveva avere tutte queste caratteristiche, inoltre doveva garantire l'abitabilità a 4 persone.

Il compito di disegnare la Giulia GT fu affidato a Bertone, e con la collaborazione di Giugiaro viene disegnata e realizzata la nuova Giulia Sprint GT 1600, una vettura che ha cavalcato due decenni della storia dell'automobile italiana che non aveva rivali tra nessuna delle sue concorrenti in fatto di prestazioni e affidabilità, era addirittura migliore di vetture di maggiore cilindrata.

La Giulia Sprint GT viene presentata alla stampa il 9 settembre del 1963, la meccanica è quella della Giulia berlina, la linea prende l'ispirazione dalla 2000 Sprint del 1960, il risultato è un successo, la nuova Giulia Sprint GT piace così tanto al pubblico che fa invecchiare rapidamente tutte le altre concorrenti.

Se la Giulietta Sprint è stata la vettura che ha segnato il passaggio dalla produzione artigianale a quella industriale, la Giulia Sprint GT assieme alla Giulia Berlina segnano il passaggio della produzione Alfa Romeo dallo storico stabilimento del Portello, al moderno complesso industriale di Arese, più adatto a sopportare l'enorme richiesta di autovetture dell'Italia che si trova in pieno boom economico.

La produzione della Giulia Sprint GT va dal 1963 al 1966, infatti nel 1966 esce di produzione e viene sostituita dalla Giulia Sprint GT Veloce, presentata al salone di Ginevra del 1966, vettura con carrozzeria identica alla precedente, ma con alcune lievi modifiche, il motore sviluppa 3CV in più, con l'adozione di nuovi carburatori, cambia la mascherina anteriore, i paraurti, vengono applicati gli stemmi con il quadrifoglio sui montanti posteriori e la scritta "veloce" sul baule.

All'interno cambia il volante la plancia viene rivestita in finto legno i sedili sono più avvolgenti, il pavimento viene rivestito in moquette.

Nell'autunno del 1966 viene presentata la Giulia 1300 Junior GT sostituiva la 1300 Sprint ovvero l'ultima versione della Giulietta Sprint, destinata ai giovani è stata la Giulia GT di più vasta diffusione.
Infatti con il suo motore da 1,3 litri e il prezzo ridotto viene realizzata apposta per una clientela più giovane ma anche per tutti coloro che volevano possedere una Gran Turismo del biscione ma che non potevano permettersi una cilindrata da 1,6 litri.

La Giulia 1300 Junior GT è una versione semplificata ma non per questo più povera, la linea era la stessa della 1600, le semplificazioni riguardavano per lo più gli interni, ma rimaneva sempre una Gran Turismo a tutti gli effetti, infatti rimase in produzione seppur con lievi modifiche per oltre 10 anni.

Nel 1967 arriva la 1750 GT Veloce, eredita il motore della 1750 Berlina, la linea della carrozzeria è sempre la stessa della Giulia Sprint GT con alcune modifiche, il frontale viene ridisegnato con doppi fari, le coppe delle ruote sono identiche a quelle della berlina 1750, mentre gli interni vengono completamente rinnovati, con volante in legno, nuova console centrale, sedili anatomici di disegno sportivo.

Nel Giugno del 1971 assieme alla berlina viene presentata la 2000 GT Veloce, che deriva strettamente dalla 1750 GT Veloce, monta il differenziale autobloccante per tenere a bada l'elevata potenza del motore, è la vettura di punta della casa del biscione, sia in fatto di prestazioni che di comportamento su strada, non ha rivali tra le concorrenti europee della sua classe, vende molto anche negli USA, per questo mercato viene equipaggiata con l'iniezione indiretta Spica in luogo dei carburatori.

E' l'ultimo modello della serie Giulia GT che esce di scena nel 1976 e verrà sostituita dall'Alfetta GT.

Dal 1970 su tutti i modelli della gamma viene effettuato un processo di razionalizzazione della produzione ovvero viene introdotto il modello unificato, lo scopo era quello di produrre tutti i modelli della Giulia GT con uno stampo unico per una questione puramente economica.

Scompare il caratteristico scalino dal frontale, e se prima ogni versione della Giulia GT aveva le sue caratteristiche identificative, con il modello unificato sia la Junior che tutte le altre versioni della GT avevano carrozzeria e frontale in comune, inoltre dal 1972 la Junior GT poteva essere ordinata a richiesta con motore 1600.

Dal 1964 al 1966 viene prodotta la Giulia GTC, una versione cabriolet disegnata sempre da Bertone ma realizzata dalla carrozzeria Touring, una vettura accolta freddamente dal pubblico italiano aveva preferito le Giulietta Spider e le Duetto.
Prodotta in poco più di 1000 esemplari esce di produzione appena due anni dopo.

Parallelamente all'evoluzione della Giulia Sprint GT viene sviluppata la Giulia GTA, altro non è che una versione alleggerita (Gran Turismo Alleggerita) per partecipare alle competizioni sportive. L'evoluzione della Giulia GTA si sviluppa verso l'alto con la 1750 GTAm e successivamente con la 2000 GTAm, esemplari che hanno duellato nelle competizioni sportivi con notevole successo fino alla fine degli anni '70.

Queste sono in sintesi le tappe evolutive della GT

Giulia Sprint GT 1963

Giulia Sprint GT Veloce 1965

Giulia 1300 Junior GT 1966

1750 GT Veloce 1967

2000 GT Veloce 1971

Ulteriori Versioni:

Giulia GTC Cabrio 1964 - 1966

Giulia GTA 1966 - 1975

Nessun commento:

Privacy

Cookies

I cookies sono piccoli file di testo che vengono installati da parte di un sito Web sul browser dell’Utente e che registrano alcune informazioni relative alla sua attività di navigazione; tali dati, se i cookies non vengono disabilitati, vengono comunicati al sito che li ha installati ogni qualvolta l’Utente torna a visitarli.
Questo sito non installa in modo automatico cookies di alcun genere.
Per pubblicare gli annunci uesto sito utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti quali Google. In qualità di fornitore indipendente, Google utilizza i cookie per pubblicare gli annunci al fine di utilizzare questi dati raccolti (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Uno di questi cookies utilizzato da Google è chiamato DART. L’utilizzo del cookie DART consente a Google di pubblicare annunci per gli utenti in base alla loro visita a questo sito e ad altri siti Internet: in questo modo saranno visualizzati annunci più pertinenti sia con i temi trattati nel sito che con l’inclinazione dei visitatori. Gli utenti possono reperire più informazioni, conoscere le opzioni disponibili e scegliere di non utilizzare il cookie DART consultando la pagina relativa alle norme di Google sulla privacy per la rete di contenuti e per gli annunci.

Eventi

  • 7-8 Febbraio 2009 "Milano Classic Motors"
  • 15-16 Novembre Salone del Modellismo Presso Padova Fiere
  • 8-12 Dicembre 2008 Fiera Ricambi Auto Moto d'Epoca a Ferrara