giovedì 6 novembre 2008

Esperimenti D'Epoca: L' Alfetta Modulare

Il sistema modulare dava la possibilità al motore di escludere in automatico due dei quattro cilindri in particolari condizioni di funzionamento, con lo scopo di risparmiare carburante.
Insomma una vettura modulare può funzionare a due cilindri in opportune condizioni.

Verso l'inizio degli anni '80, l'Alfa Romeo sviluppa sulle sue autovetture, una serie di esperimenti mirati al risparmio energetico, grazie alle possibilità che l'elettronica offre nella gestione dei motori. In quel periodo infatti, le case automobilistiche iniziano ad equipaggiare le loro auto con impianti di iniezione elettronica in luogo dei tradizionali carburatori.

L'esperimento è stato effettuato sulle Alfetta, in particolare sono state allestite dieci Alfetta 2000, dotate di " modulo di controllo elettronico del motore" CEM, e iniezione elettronica, per effettuare l'esperimento, vengono affidate ai taxisti milanesi, che, utilizzandole per il loro lavoro, percorrono migliaia di chilometri nel traffico di Milano per circa sei mesi.

Queste Alfetta potevano marciare sia con funzionamento normale che modulare, cioè avendo la possibilità di escludere due dei quattro cilindri nel momento in cui al motore viene richiesta poca potenza, il risultato è stato sorprendente: le Alfetta che avevano funzionato in regime modulare risparmiavano il 12% del carburante marciando nel traffico cittadino.

Dal punto di vista tecnico l'applicazione alle auto del sistema modulare è semplicissimo, e non richiede modifiche meccaniche, si tratta solo di aggiungere al motore una particolare centralina elettronica che, in determinate condizioni di funzionamento, esclude l'alimentazione di benzina a due dei quattro cilindri, e la ripristina appena viene richiesta potenza.

Dal punto di vista del funzionamento non cambia nulla per chi guida una vettura modulare, si avverte solamente un leggero strappo quando si accelera, e il funzionamento passa dai due ai quattro cilindri, inoltre non sono state riscontrate anomalie di funzionamento o usure anomale degli organi del motore.

L' esperimento "Alfetta modulare" risale al 1981, ma nonostante i risultati ottenuti non ha avuto seguito nella produzione di serie.

Nessun commento:

Privacy

Cookies

I cookies sono piccoli file di testo che vengono installati da parte di un sito Web sul browser dell’Utente e che registrano alcune informazioni relative alla sua attività di navigazione; tali dati, se i cookies non vengono disabilitati, vengono comunicati al sito che li ha installati ogni qualvolta l’Utente torna a visitarli.
Questo sito non installa in modo automatico cookies di alcun genere.
Per pubblicare gli annunci uesto sito utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti quali Google. In qualità di fornitore indipendente, Google utilizza i cookie per pubblicare gli annunci al fine di utilizzare questi dati raccolti (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Uno di questi cookies utilizzato da Google è chiamato DART. L’utilizzo del cookie DART consente a Google di pubblicare annunci per gli utenti in base alla loro visita a questo sito e ad altri siti Internet: in questo modo saranno visualizzati annunci più pertinenti sia con i temi trattati nel sito che con l’inclinazione dei visitatori. Gli utenti possono reperire più informazioni, conoscere le opzioni disponibili e scegliere di non utilizzare il cookie DART consultando la pagina relativa alle norme di Google sulla privacy per la rete di contenuti e per gli annunci.

Eventi

  • 7-8 Febbraio 2009 "Milano Classic Motors"
  • 15-16 Novembre Salone del Modellismo Presso Padova Fiere
  • 8-12 Dicembre 2008 Fiera Ricambi Auto Moto d'Epoca a Ferrara