mercoledì 16 ottobre 2013

Jensen Interceptor (1966 - 1976)




 
Jensen Interceptor



 
 
 Jensen Interceptor 
La Jensen Motors fondata dai Fratelli Jensen, è stata una casa automobilistica britannica attiva dal 1931 fino al 2002.

La Jensen Interceptor è un progetto di auto sportiva di lusso che prende forma negli anni 60, una Gran Turismo che aveva lo scopo di fare concorrenza ad automobili del calibro di Aston Martin e Bentley .

La Jensen Interceptor è il frutto dell’unione dello stile italiano, dell’ artigianato inglese, e della potenza americana.

Il pianale della Interceptor era stato progettato dalla stessa Jensen, mentre il progetto della carrozzeria era stato affidato inizialmente alla Touring di Milano, e poi successivamente alla Vignale di Torino, che basandosi sui disegni della Touring, realizzo il modello che venne esposto al Salone di Londra del 1966, la Jensen Interceptor Mk I.  
Per la motorizzazione, venne scelto il potente V8 della Chrysler, carburatore quadricorpo, 6,3 litri e 325 cavalli di potenza che spingevano la grossa coupè fino a 214 Km/h, nonostante il notevole peso di 1680 Kg.

Con la sua particolare vetrata avvolgente posteriore, (particolare riproposto dalla Porsche alcuni anni più tardi) la Jensen Interceptor è una elegante coupè con portellone posteriore, interni 2+2 spaziosi, comodi e ben rifiniti da materiali di pregio, selleria, pannelli e cruscotto in pelle, inserti in radica di noce per cruscotto e pannelli porte.

 Le dimensioni della Jensen Interceptor erano notevoli, lunga 477 cm , larga 175, passo 267 cm, meccanicamente dotata di trazione posteriore, retrotreno ad assale rigido, cambio automatico Chrysler a 3 rapporti sterzo a cremagliera non servoassistito, almeno nella prima serie, impianto frenante con servocomando e dischi sulle 4 ruote

Oltre che potente, il motore Chrysler era molto fluido e silenzioso, in grado di fornire notevoli prestazioni, infatti la Jensen Interceptor accelerava da 0 a 100 Km/h in appena 7 secondi. 

 Purtroppo il telaio era piuttosto obsoleto per una vettura di quella categoria, infatti le sospensioni ad assale rigido e molle a balestra, risultavano poco adatte alla guida sullo sconnesso, tuttavia, la stabilità era abbastanza buona su strade lisce e scorrevoli. 

Nel 1968 venne proposta una versione veramente speciale, ovvero la Jensen Interceptor FF dotata di trazione integrale permanente e differenziale centrale Ferguson.

La Jensen Interceptor FF è stata la prima autovettura stradale a 4 ruote motrici, 13 anni prima della famosa Audi Quattro, ed è stata la prima ad essere dotata di sistema frenante antibloccaggio ABS.

La trazione integrale era stata realizzata dalla società British, e il differenziale centrale a autobloccante ad accoppiamento viscoso della ditta Ferguson. FF sta per Formula Ferguson, questo particolare differenziale in normali condizioni di guida ripartiva il 63 % della coppia alle ruote posteriori.

Un test di guida dell’epoca ad opera della rivista Autocar, giudicò la Jensen Interceptor FF come l’automobile ad alte prestazioni più sicura finora costruita.

La Jensen interceptor FF era dotata di sistema frenante con un primitivo sistema ABS meccanico Dunlop, che migliorava sensibilmente la stabilità della vettura in frenata.

Causa l’elevato costo la Jensen FF ebbe vita breve, venne infatti prodotta tra il 1968 e il 1971 e venduta in appena 320 esemplari.

In dieci anni di produzione l’Interceptor venne più volte aggiornata e ristilizzata, la prima serie è la Jensen Interceptor Mk I, prodotta dal 1966 al 1969 in 1024 esemplari.



La Jensen Interceptor Mk II prodotta tra il 1969 e il 1971 in 1128 esemplari, subì un restyling per il frontale, e per alcuni dettagli negli interni.

L’aggiunta di un nuovo carburatore fece aumentare la potenza a 330 Cv, i freni anteriori vennero dotati di dischi auto ventilati. Stesse modifiche vennero applicate anche alla versione FF.


La Jensen Interceptor Mk III prodotta tra il 1971 e il 1976 venne dotata di nuovi sedili e di nuovi accessori sia all’interno che all’esterno della vettura, come i nuovi cerchi in lega e altri dettagli.

Anche la meccanica venne rinnovata con dischi auto ventilati anche al retrotreno, venne offerta la versione più potente ovvero la Jensen Interceptor Mk III SP (Six Pack) con un nuovo motore, tre carburatori a doppio corpo, cilindrata 7206 Cc da 385 CV, e 230 km/h di velocità massima, e prestazioni entusiasmanti.

Il vecchio motore da 6286 Cc, venne depotenziato a 300 Cv, con questo motore la velocità massima era di 210 km/h.

Con la serie Mk III esce di scena la versione FF a 4 ruote motrici.

La Jensen Interceptor Mk III uscì dal listino nel 1976, con la chiusura della Jensen Motors Ltd causa la crisi energetica, le nuove normative sull’inquinamento e sul consumo di carburante che crearono problemi alle vendite di auto ad elevate prestazioni.

Dopo la chiusura della fabbrica nel 1976, vennero fatti alcuni tentativi per riprendere la produzione della Interceptor, nel 1987 venne presentata la Interceptor S4, e nel 2001 la Interceptor C-V8, ma nel 2002 ci fu la chiusura definitiva.



Nessun commento:

Privacy

Cookies

I cookies sono piccoli file di testo che vengono installati da parte di un sito Web sul browser dell’Utente e che registrano alcune informazioni relative alla sua attività di navigazione; tali dati, se i cookies non vengono disabilitati, vengono comunicati al sito che li ha installati ogni qualvolta l’Utente torna a visitarli.
Questo sito non installa in modo automatico cookies di alcun genere.
Per pubblicare gli annunci uesto sito utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti quali Google. In qualità di fornitore indipendente, Google utilizza i cookie per pubblicare gli annunci al fine di utilizzare questi dati raccolti (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Uno di questi cookies utilizzato da Google è chiamato DART. L’utilizzo del cookie DART consente a Google di pubblicare annunci per gli utenti in base alla loro visita a questo sito e ad altri siti Internet: in questo modo saranno visualizzati annunci più pertinenti sia con i temi trattati nel sito che con l’inclinazione dei visitatori. Gli utenti possono reperire più informazioni, conoscere le opzioni disponibili e scegliere di non utilizzare il cookie DART consultando la pagina relativa alle norme di Google sulla privacy per la rete di contenuti e per gli annunci.

Eventi

  • 7-8 Febbraio 2009 "Milano Classic Motors"
  • 15-16 Novembre Salone del Modellismo Presso Padova Fiere
  • 8-12 Dicembre 2008 Fiera Ricambi Auto Moto d'Epoca a Ferrara